Numero 2 -


Accertamenti anticipati: i casi in cui l’Agenzia può emettere gli atti impositivi prima dei 60 giorni

L’inosservanza del termine dilatorio di sessanta giorni per l'emanazione dell'avviso di accertamento a seguito di accessi ispezioni e verifiche determina, di per sé, salvo che ricorrano specifiche ragioni di urgenza, l'illegittimità dell'atto impositivo emesso “ ante tempus ” dall’agenzia delle Entrate. È allora d’interesse analizzare, alla luce della più recente giurisprudenza, i casi in cui è possibile procedere in via anticipata prendendo in considerazione anche i principi generali in tema di contradditorio endoprocedimentale.

di Benedetto Santacroce e Lorenzo Lodoli

Norme e Tributi Mese

Norme e Tributi Mese il primo periodico di approfondimento e dottrina del Gruppo 24 ORE su fisco, contabilità e diritto societario.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader