Numero 10 -


Operazioni inesistenti: al contribuente serve una controprova adeguata

La Cassazione con l'ordinanza 11873 del 15 maggio scorso ha chiarito la regola di riparto dell'onere probatorio in materia di operazioni inesistenti. L'Amministrazione finanziaria, per contestare l'indebita deduzione (ai fini delle imposte dirette) e/o detrazione (ai fini Iva) dei costi risultanti in fattura, deve fornire la prova che le operazioni commerciali oggetto delle fatture non sono state realmente effettuate (ovvero non sono state realizzate fra i soggetti indicati nelle fatture). Avvalendosi anche di presunzioni. Per superare la contestazione del fisco, il contribuente ha, invece,...

di Massimo Antonini e Paolo Piantavigna

Norme e Tributi Mese

Norme e Tributi Mese il primo periodico di approfondimento e dottrina del Gruppo 24 ORE su fisco, contabilità e diritto societario.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader