Numero 3 -


Rimpatrio di società estere: decorrenza della residenza fiscale e redazione del primo bilancio

L'articolo 166-bis del Tuir, introdotto dal Dlgs 147/2015, che ha finalmente disciplinato i criteri di valorizzazione fiscale delle attività e delle passività per le imprese che trasferiscono la loro residenza fiscale dall'estero all'Italia, non risolve altri problemi di carattere procedurale legati al rimpatrio di tali società. In particolare non è affrontato l'annoso problema del momento in cui la nuova residenza si intende acquisita e le correlazioni tra i valori fiscali e gli importi iscritti nel primo bilancio successivo al trasferimento.

di Luca Gaiani

Norme e Tributi Mese

Norme e Tributi Mese il primo periodico di approfondimento e dottrina del Gruppo 24 ORE su fisco, contabilità e diritto societario.

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader